Giovedì 28 novembre, 390 persone, avrebbero dovuto salire sull’ultimo gioiello dell’Hurtigruten, la Roald Amundsen. Purtroppo per loro, la crociera si è conclusa prima ancora di iniziare a causa del furto dei loro bagagli da parte di un gruppo di uomini armati.

Doccia fredda in mare aperto

Per la maggior parte di loro, avevano programmato questa crociera per mesi. Pianificata da tempo, è stata anche l’occasione di una luna di miele per una coppia francese. I 390 scelti che avevano prenotato questa crociera in Antartide avrebbero dovuto partire giovedì 28 novembre a bordo dell’ultima nave Hurtigruten. Questa nave, rivoluzionaria nel mondo della crociera, grazie al suo motore elettrico al 100%, avrebbe dovuto portarli direttamente a Capo Horn prima di portarli oltre la Terra del Fuoco, per incontrare i pinguini e le banchise del continente ghiacciato. Tuttavia, lo stesso giovedì, il camion che trasportava i bagagli all’Hotel Intercontinental di Santiago del Cile, fino alla città portuale di Punta Arenas, è stato rapinato da un convoglio di uomini armati. Le valige sono state rubate.

Ouest France riporta le parole della compagnia di crociera che aveva parlato alla fine di questo incidente: “il convoglio bagagli, effettuato da camion e scortato da veicoli con guide locali e portatori verso l’aeroporto, è stato fermato da un gruppo di uomini armati. »

Corsa ai negozi

Dopo la spiacevole notizia della perdita dei propri effetti personali, i passeggeri hanno dovuto trovare valigie e abbigliamento per vestirsi rapidamente. ” Bisogna immaginare 350 persone che entrano in un negozio e lo svaligiano completamente. Lo stesso vale per l’abbigliamento”, dice il quotidiano Ouest France. Perché in Antartide, le condizioni meteorologiche non erano equivalenti a quelle di una crociera nei Caraibi, i passeggeri sono stati costretti a sostituire urgentemente i maglioni e i pantaloni caldi che avevano originariamente previsto nel loro bagaglio.

Al fine di aiutarli ad equipaggiarsi adeguatamente per non prendere freddo, l’azienda ha anche spiegato che “ha lavorato a stretto contatto con i nostri partner locali per fornire supporto al personale coinvolto in questo incidente. “Si propone quindi di destinare la somma di 2000 USD (1815 €) ai passeggeri che hanno perso i loro effetti personali e l’accesso gratuito ai servizi di lavanderia per tutta la durata della crociera. “Delle 350 persone colpite, 20 hanno rifiutato di continuare la spedizione. In seguito, la nave parte in ritardo, il sabato 30 novembre da Capo Horn”.

Lascia un commento